top
Italian Chinese (Simplified) Croatian Danish English Finnish French German Norwegian Polish Portuguese Russian Spanish Swedish

Thursday, 28 January 2016 13:53

LA CRISI, L’EUROPA E L’ISIS: EDWARD LUTTWAK OSPITE ALLA GRAN GUARDIA DI VERONA

Written by 
Rate this item
(1 Vote)

Grande affluenza per la prima conferenza del ciclo “Agsm incontra” che ha ospitato l’economista e politologo Edward Luttwak,esperto di politica internazionale e consulente strategico del Governo americano, chiamato a discutere sul tema “Economia e conflitto” le politiche economiche europee ed italiane in prospettiva internazionale, l’ISIS e il problematico rapporto tra Islam ed Occidente.

L’incontro, moderato dal direttore di Telenuovo Mario Zwirner, è stato introdotto dalla presentazione di Giuseppe Stoppato, presidente di Agsm Energia, e Giampietro Cigolini, direttore generale del gruppo Agsm, i quali hanno rappresentato l’impegno dell’azienda non solo nella distribuzione di energia, ma anche nella diffusione di cultura e informazione nella città.

A questo scopo l’approfondimento di Luttwak, il quale ha esposto con chiarezza di pensiero e di linguaggio i problemi principali che riguardano l’economia dei paesi Occidentali, sempre più “globale” e per questo sempre più articolata e complessa nelle dinamiche che la muovono.

La riflessione di Luttwak parte dalla constatazione di una grave battuta d’arresto nell’economia dei paesi membri dell’Unione Europea, osservando come ciò non coinvolga quei paesi geograficamente europei ma con una propria indipendenza economica e monetaria, come ad esempio l’Inghilterra. Luttwak attribuisce la responsabilità di questo “blocco” produttivo alla cavillosa e dispersiva organizzazione centrale governativa dell’Europa, la quale impone leggi e restrizioni che soffocano l’iniziativa dei singoli Stati e ne impediscono la crescita.

L’eccessiva “burocratizzazione” economica demanda quindi ogni decisione a Bruxelles, sede della UE, troppo lontana dalle realtà locali, con l’effetto di “ingabbiare” lo spirito capitalista dei paesi Occidentali, annichilito da una “stagnazione secolare”, ossia un esaurimento di idee e creatività conseguente al lungo periodo di pace ed equilibrio tra i paesi sviluppati.

Luttwak affronta poi la questione terrorismo, ritenuta particolarmente importante alla luce degli ultimi eventi in Francia, Turchia ed Egitto ma, secondo il politologo, sopravvalutata a causa dell’amplificazione mediatica. La vera ripercussione degli attentati non si vede dal numero di vittime causate, ma dal crollo delle presenze turistiche nelle città o negli stati colpiti, che perdono una fondamentale fonte di ricchezza e sostentamento. 

Allo stesso modo l’attenzione andrebbe focalizzata non sui piccoli gruppi terroristici che attirano i mass media, ma sulla penetrazione in territori occidentali di rappresentanti della cultura islamica moderata, in grado di spostare e dirigere le opinioni degli immigrati di religione musulmana, senza dimenticare che una grande percentuale di essi sono veri e propri “profughi” dallo Stato Islamico e dall’Islam stesso e non musulmani alla ricerca di legittimizzazione.

Secondo Luttwak, sebbene la politica migratoria italiana sia poco controllata e confusionaria, nel bilancio generale l’Italia sembra essersi ben difesa e abbia saputo meglio di altri gestire l’emergenza terroristica grazie all’esperienza maturata negli anni di piombo con le Brigate Rosse, a differenza della Francia che non ha ancora saputo sviluppare un modus operandi efficace non solo nell’individuazione e nella schedazione, ma anche nell’immediato arresto e processo dei terroristi.

 

Numerosi gli argomenti toccati e le curiosità espresse dal pubblico nel dibattito finale, in una conferenza che ha avuto il pregio di convocare un ospite illustre ed approfondire temi d’attualità molto vasti e controversi in modo chiaro e mirato, lasciando all’auditorio molti spunti di riflessione su ciò che sta accadendo in Italia e nel mondo, sulle strategie politiche ed economiche vincenti, sui conflitti tra culture e religioni diverse.

Read 9621 times
Laura Montagnani, Verona

Laureata in Lettere e aspirante tuttologa, mi appassionano la dialettica e i forti contrasti: l’elitario e il popolare, la tradizione e il progresso, i racconti umoristici e i romanzi russi. Sono sempre molto interessata all’attualità e ai fenomeni di costume di una società in continuo movimento. Credo infatti che nelle espressioni culturali (e non) del mondo in cui viviamo, sia possibile ritrovare di noi stessi, in modo a volte sorprendente. 

Website: www.radiogarda.fm

News

  1. Real Time
  2. Culture
  3. Music
  4. Events
  5. Radio 4.0
next
prev

ON AIR

MEDIAPARTNER DI

Fish&Chef

Fish&Chef

21-03-2017

Circolo Vela Torbole

Circolo Vela Torbole

21-03-2017

Radio Garda Fm #Mediapartner #Nazionale al #Cinema con #PetitPaysan

Radio Garda Fm #Mediapartner #Nazionale …

26-01-2018

WebCam

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Instagram

About Us

 

 

 

RADIO GARDA FM ® Gruppo Editoriale Garda Viva, target age primario 28/68. 

 

RADIO GARDA AM ® è un operatore di rete da 0 a 30 mhz che ha ottenuto l'assegnazione delle risorse frequenziali in Onde Medie 1485 Khz, 1584 khz, 1314 khz, 621 khz, rilasciate dal Ministero dello Sviluppo Economico.

 

RADIO GARDA FM ® iscrizione al REGISTRO OPERATORI DELLA COMUNICAZIONE (R.O.C.) N.26398 

 

RADIO GARDA FM ® fornitore di contenuti per la trasmissione radiofonica digitale n.29, rilasciata dal Ministero dello Sviluppo Economico per le zone di: Verona, Trento, Brescia, Mantova, Vicenza, Padova e le provincie limitrofe. (DAB+ / Canale 10 A) 

 

RADIO GARDA FM ® è socio fondatore della Prima Associazione di Editori in Onde Medie OMItaliane ®

Dove siamo

Showcases

Background Image